Prepararsi Al Prelievo

Il corretto comportamento del paziente prima di un prelievo ematico contribuisce in modo rilevante all’accuratezza diagnostica della procedura. Viceversa, il mancato rispetto di alcune semplici regole comportamentali può alterare, anche significativamente, i parametri che si intendono analizzare.
Per alcuni esami, prima del prelievo di sangue è richiesto un periodo di digiuno variabile tra le 8 e le 14 ore, durante il quale è consentito assumere soltanto modiche quantità di acqua. Una carenza di liquidi determina infatti disidratazione, aumentando di riflesso la concentrazione delle sostanze circolanti; viceversa, l’iperidratazione tende a diluirle.

Prima dell’esame del sangue il paziente dovrebbe discutere preventivamente con il proprio medico l’opportunità di sospendere, per un periodo più o meno lungo, l’assunzione di eventuali medicinali, ad esempio prima di eseguire gli esami della tiroide vanno sospesi i medicinali per la cura della stessa; mentre alcuni farmaci salvavita non vanno sospesi, per cui prima di recarsi al laboratorio è opportuno parlare con il medico o contattarci e domandare al nostro personale sanitario.